rss

BBQ and the City

15 giugno 2009


La Metro è un luogo di perdizione.

E’ un cash&carry in cui possono entrare solo "gli imprenditori", che, in base al tipo di attività che svolgono, possono scaricare l’iva dei beni che acquistano. In particolare, se sono ristoratori, per esempio, possono acquistare beni alimentari in quantità, con un risparmio considerevole. Il vantaggio è notevole quando si acquistano quantitativi industriali, sui quali il ribasso è davvero significativo.

Da sempre lamorachevola subisce il fascino di questo luogo, dove le confezioni più piccole di un qualunque articolo comprendono almeno 10 pezzi, proprio come nei supermercati americani, dove il vasetto di yogurt può arrivare a pesare 5 chili! Alla Metro ci sono i bidoni di Nutella, le forme di grana e i prosciutti interi, i rotoli di carta igienica che non finiscono mai e sacchi di farina che il Mulino Bianco se li sogna.

Ora, un mese fa esatto lamorachevola ha deciso di mettersi a dieta ed è dunque costretta a consumare quantitativi esigui di qualunque alimento che non sia erba. E oggi che Supertechman ha avuto la bella idea di andare alla Metro, potete immaginare quale attrazione magnetica questo grande ipermercato possa aver esercitato su di lei.

La vertigine da acquisto l’ha indotta a comprare un dispenser di ketchup da 100 bustine (il ketchup nella dieta è libero), una confezione di funghi al naturale con cui potrà sfamare se stessa e le prossime generazioni per mille anni, una cassa di pomodorini ciliegia con cui ha letteralmente riempito tutto (tutto!) il frigo e due rotoloni asciugatutto, ciascuno largo quanto il ripiano della cucina.

Dal momento che è a dieta, lamorachevola deve stare attenta non solo a ciò che mangia, ma anche a come lo cucina: al forno, alla piastra, alla griglia. E quando oggi alla Metro ha visto la "carbonella monouso" non ha saputo resistere alla tentazione di fare il "barbecue".

Lamorachevola bambina viveva in un paesello di duemila anime, in una casa di duecento metri quadri, con giardino e cucina esterna dotata di camino, in cui la nonna bruciava la legna e cucinava la carne ai ferri. Un passato rustico e agreste che oggi, rinchiusa al primo piano di un condominio, nella città più frenetica d’Italia, un po’ le manca. La Metro, moderna "Madeleine" proustiana, le stava offrendo quindi la possibilità di fare un tuffo nel passato.

Così, trascurando il fatto di vivere al primo piano di un condominio in cui gli anziani la fanno da padrone, affacciata su un palazzo in cui ha sede un’associazione convinta che Gesù sia giapponese, e sicura che un po’ di carbone dentro a una vaschetta della Domopak non potesse nuocere a nessuno, lamorachevola ha acceso il fuoco sul balcone ed è andata in cucina a preparare il contorno, finché Supertechman non l’ha chiamata, dicendole di portare la carne.

Arrivata serena sul balcone, come la migliore delle casalinghe disperate, lamorachevola, una volta affacciatasi, avrebbe voluto chiudersi in casa per l’imbarazzo: si era levata una bella brezza estiva e quella maledetta graticola stava affumicando tutto il vicinato. Ormai però non poteva tirarsi indietro. Messa la carne sulle braci, ha pregato affinché si cuocesse in fretta, terrorizzata all’idea che qualcuno si affacciasse e la insultasse per il tanfo che stava diffondendo e che, nonostante i suoi sforzi per arginarlo, stava entrando irrimediabilmente negli appartamenti dei suoi vicini di casa. Sentendo un sonoro starnuto dalla casa di fianco, Supertechman, per tenere viva la tensione, ha esclamato: "sarà il fumo!". E a cottura ultimata, ha concluso:  "bene… dopo questa prova brillante, domenica prossima possiamo andare con i filippini all’Idroscalo!".

(per chi non fosse di Milano: l’Idroscalo è un bacino artificiale che spesso viene definito "il mare di Milano". In estate, fino a qualche anno fa, i milanesi andavano qui a prendere il sole. Oggi, soprattutto di domenica, molti -in gran parte stranieri – vanno all’Idroscalo con la famiglia e si fanno il barbecue. Un puzzo terrificante che poi ti porti fino a casa!)

  • Delicious
  • Facebook
  • Digg
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • Twitter

5 commenti

  1. 15 giugno, 2009 at 19:32

    …tutti all’idroscalooooooooo ahahahah

  2. 15 giugno, 2009 at 23:16

    PENSATAADDOSSO: lasciamo perdere…

  3. 16 giugno, 2009 at 14:13

    Allora la prox volta che siete a FE… è deciso, carne ai ferri x tutti sul collaudatissimo barbecue di Stewie.

    Per le dietiste un fantastico pollo alla griglia con le verdure, per tutti gli altri un must: pancetta, coppone, salsiccia e via andare!

  4. 16 giugno, 2009 at 15:05

    Ma, poiché non leggo di commenti iracondi dei vicini, deduco che tutto si sia concluso senza danni…

    Però ricordo di aver visto barbecue rudimentali una callda domenica d’agosto nel parco londinese di Battersea… Anche lì ad opera di famiglie orientali, ad occhio..

  5. 16 giugno, 2009 at 22:53

    SKYNET: ci sto :-)

    CAUTELOSA: per fortuna non si è inferocito nessuno… e la prossima riunione di condominio sarà in ottobre… spero, nel caso, che si siano dimenticati…

Commenta