rss

Percé: l’alba e le sule

19 agosto 2008


Ci abbiamo messo un giorno, da Rimouski, ad arrivare fin qui, fra raffiche di vento proibitive, cartelli che raffiguravano possibili cadute di massi e altri che minacciavano onde anomale che dall’Oceano potevano arrivare sulla strada e risucchiare le auto dei passanti.
Ma ne valeva la pena.
Siamo sull’estremità orientale della Gaspésie, dove non prendono i cellulari (evviva!), la gente ti sorride e ti dice "bonjour" se ti incrocia fra i sentieri, si mangia del pesce favoloso, per lo più merluzzo, crostacei e salmone affumicato e ci si può beare di un’alba da capogiro (fra le 3 e le 6 del mattino).

rocher percé
Si chiama Percé, ed è una delle località più belle di questa penisola. Nota per il suo "Rocher Percé" (nella foto), e per la colonia di () più numerosa dell’emisfero settentrionale.
Siamo andati a vederle, nel loro habitat naturale, sull’, a un quarto d’ora di traghetto, proprio di fronte a Percé.

Percé: l’alba e le sule

(chi fosse interessato ai dettagli delle foto, può usare la lente di ingrandimento messa a disposizione nell’album di Google, nella parte in alto a destra di ogni foto)

APPUNTI DI VIAGGIO.

L’Ile Bonaventure si raggiunge con un traghetto (traversier) che parte dal molo di Percé, fa mezzo giro attorno al Rocher Percé, per mostrarne il retro battuto dalle fredde correnti del nord e meno liscio della parte frontale, quindi gira attorno all’Ile Bonaventure consentendo di ammirare le foche grigie e le foche comuni che si spalmano al sole o fanno capolino dalle acque gelide dell’Oceano. Infine, attracca sull’isola.
Qui gli escursionisti possono scegliere quattro percorsi per arrivare alla colonia delle sule. Percorsi, che, secondo i cartelli, sarebbero tutti di difficoltà "intermedia", ma che, in base alla preparazione atletica di ognuno, possono essere vissuti in modo diverso (ça va sans dire!).
Il più lungo, per esempio, le Chemin du Roy, ha, oltre a una serie di salite e discese, anche 300 scalini. SuperTechMan avrebbe voluto prendere quello. Io ho scelto quello delle Colonie: sulla carta, 45 minuti, con il mio passo, un’ora abbondante.

TACCUINO:
A Percé abbiamo dormito nel Motel Le Panorama, sulla strada principale (Route 132 -è oltre il centro, su un curvone-, ma basta chiedere all’Ufficio Turistico, segnalato da un punto interrogativo, qualora non lo si trovasse al primo colpo) e quando si arriva, val la pena di chiedere se è libera la stanza numero 9. Da lì ho scattato le foto all’alba.

Qualche scatto dal percorso di ieri.

Rimouski-Percé

Domani si ritorna a Rimouski, ma questa volta percorrendo la costa sud della Gaspésie, anziché quella settentrionale.

  • Delicious
  • Facebook
  • Digg
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • Twitter

2 commenti

  1. 19 agosto, 2008 at 10:30

    Semplicemente favoloso!!!

    che belle emozioni che ci fai vivere grazie!!!

  2. 19 agosto, 2008 at 13:32

    ALLEG: grazie a te! :-)

Trackbacks/Pingbacks

  1. 10 settembre, 2011 at 01:07

    [...] idea was to have a photographic bird safari as we had in Canada to see the Gannets and thought Runde Island was the best choice. Once there we found out that the undertaking to have [...]

Commenta